Riboldi, Fracchia e Novelli: «Come promesso nel programma elettorale puntiamo a sostenere le famiglie numerose».

CASALE MONFERRATO – «Nell’ottica dell’efficientamento che sta interessando tutti i servizi erogati al cittadino, da settembre saranno completamente riviste le modalità di tariffazione di quelli educativi e scolastici. Era doveroso adeguare le tariffe, ripensandole completamente: tra i punti più importanti quello di aver recepito la richiesta di equilibrare e avvantaggiare soprattutto quelle famiglie che hanno più bambini iscritti a diversi servizi educativi e scolastici seguendo le linee principali del nostro programma, che ha voluto mettere la famiglia al centro. Tutto questo continuando a garantire numero e qualità dei servizi offerti».

Con queste parole il sindaco Federico Riboldi, l’assessore all’Istruzione Gigliola Fracchia e l’assessore ai Servizi Sociali Luca Novelli hanno annunciato le molte novità approvate nelle ultime settimane: si è partiti dai regolamenti votati dal Consiglio comunale fino alla definizione delle tariffe da parte della Giunta di giovedì scorso, 6 febbraio.

«Un percorso articolato e ben ponderato – ha sottolineato Riboldi – che porterà, già dai prossimi mesi, anche a un servizio più snello e più moderno: per fare alcuni esempi, proporremo agli utenti sconti per chi pagherà in anticipo, mentre, da parte nostra, avremo la possibilità di tenere con più precisione sotto controllo le spese e gli incassi».

Ma vediamo nel dettaglio quali saranno le più importanti novità.

MENSA SCOLASTICA – Il nuovo sistema è strutturato su sette fasce Isee, anziché dieci, a tariffa fissa. Le tariffe ridotte, a differenza dell’attuale sistema, saranno applicate a tutti i figli e non solo al maggiore: «In questo modo – ha spiegato l’assessore Gigliola Fracchia – andremo a sanare una criticità del sistema precedente, che non permetteva alle famiglie di scegliere su quale figlio utilizzare lo sconto». L’adeguamento delle tariffe prevede la tariffa più bassa invariata (1,10 euro) e quella massima, per i non residenti e nuclei familiari con Isee superiore a 25 mila euro, pari a 5,70 euro (anziché 5,50 euro).

PRE e POST-SCUOLA – Questi servizi, importanti per coadiuvare la gestione del tempo lavoro-famiglia, vedranno un adeguamento delle tariffe con un aumento medio di 3 euro mensili. Il pagamento non sarà mensile, ma sarà introdotto il pagamento in soluzione unica anticipata (con sconto del 5%) oppure in due soluzioni con scadenze definite dall’Ufficio Pubblica Istruzione.

POMERIGGI SCUOLA – Questo servizio, offerto ai soli alunni delle Primarie delle frazioni di San Germano e Santa Maria del Tempio, sarà caratterizzato da una tariffa forfettaria, sulla base del numero di pomeriggi che s’intenderà frequentare (da uno a tre). Anche in questo caso il pagamento non sarà più mensile, ma verrà introdotto il pagamento in soluzione unica anticipata (con sconto del 5%) oppure in due soluzioni con scadenze definite dall’Ufficio Pubblica Istruzione.

SERVIZIO SCUOLABUS E ABBONAMENTO RIDOTTO BUS URBANO STUDENTI – La tariffa del servizio scuolabus rimarrà invariata anche per l’anno scolastico 2020/2021. Potrà essere effettuato il pagamento in soluzione unica anticipata (con sconto del 5%) oppure con soluzioni di pagamento che saranno concordate con Amc, attuale gestore del servizio. Per quanto riguarda l’abbonamento ridotto studenti, tale agevolazione, pari al 50% del costo dell’abbonamento, sarà riservata, a partire dal 1° settembre 2020, agli studenti fino al quinto anno della scuola secondaria superiore con Isee non superiore a 16 mila euro.

CENTRI ESTIVI COMUNALI – Le tariffe dei centri estivi comunali, già in vigore dall’edizione 2020, vedranno invece il passaggio da una tariffa forfettaria fissa a una tariffa modulata su base Isee, ma sempre su base settimanale. A differenza del passato, saranno inoltre previste alcune riduzioni: 10 per cento per il secondo figlio e 20 per cento dal terzo, oltre allo sconto del 5 per cento per chi effettuerà il pagamento in soluzione unica anticipata.

NIDI COMUNALI – La revisione completa del sistema tariffario riguarderà anche gli asili nido: «In considerazione del Bonus Nido 2020 statale, che prevede un contributo da 150 a 300 euro modulato su fasce Isee fino a 40 mila euro – ha spiegato l’assessore Luca Novelli -, le nuove tariffe permetteranno alle famiglie di avere il servizio sostanzialmente gratuito. Inoltre la precedente tassa di iscrizione, diviene una caparra pari a 100 euro, cifra che, a differenza del passato, sarà detratta dalla prima retta di frequenza». Per gli asili nido comunali è stato introdotto, in aggiunta al pagamento in tesoreria comunale e al bonifico, il pagamento con bancomat (già in questo anno scolastico) all’Ufficio Economato di via Mameli 10.

Redazione Online

Foto di <a href="https://pixabay.com/it/users/klimkin-1298145/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=1093758">klimkin</a> da <a href="https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=1093758">Pixabay</a>
Foto di klimkin da Pixabay

I nostri sponsor:

AnticAroma Bar Caffetteria
AnticAroma Bar Caffetteria
Palestra Bistolfi
Palestra Bistolfi
Associazione Carnevale Storico Crescentinese